top of page

Benessere animale: la potenza degli Oli Essenziali nell'allevamento delle bovine da latte

Da una ricerca della North Carolina Agricultural and Technical State University .


Oggi volevo sottoporre alla vostra attenzione un importante articolo pubblicato sulla rivista scientifica "Animals" dai ricercatori dell'Università della Carolina, sulle vacche ad alta produzione di latte. Nell'articolo si evidenzia un miglioramento della digeribilità della razione, una diminuzione della produzione di gas metano e un migliorato benessere generale. Sappiamo d'altronde che gli allevamenti intensivi, rappresentano circa l'80% delle emissioni totali dei gas serra di origine agricola, rendendo l'abbattimento delle emissioni di gas a effetto serra prodotti dagli allevamenti intensivi, una sfida prioritaria per tutti i nutrizionisti che operano in campo animale.

È infatti auspicabile limitare i gas a effetto serra nei ruminanti senza ridurre la produzione, sia come strategia per abbattere le emissioni globali di gas a effetto serra sia come modo per migliorare l'efficienza dei mangimi.


L'inclusione degli additivi per mangimi nelle diete dei ruminanti può ridurre le perdite di energia come il rilascio del metano in atmosfera, il che, in genere, riduce le prestazioni degli animali e contribuisce alle emissioni di gas serra.


Questo studio ha valutato il potenziale di nove miscele di oli essenziali per mitigare le emissioni di gas a effetto serra. L'inclusione di questi mix nella dieta, ha comportato una riduzione delle emissioni di gas a effetto serra e un aumento della digeribilità della sostanza secca apparente in vitro con valori più elevati rilevati rispetto al trattamento di controllo.

Una tendenza simile è stata osservata per la digeribilità della sostanza secca in vitro con valori più elevati osservati rispetto al trattamento di controllo.

L'efficienza della produzione microbica era maggiore per le diete additivate con oli essenziali.


L'inclusione dei mix ha inoltre influenzato la percentuale totale e molare delle concentrazioni di acidi grassi volatili. Nel complesso, l'inclusione dei vari mix ha modificato la funzione del rumine con conseguente miglioramento dell'efficienza della produzione microbica.


Le valutazioni dello studio


Lo studio ha valutato nove miscele di oli essenziali (EOB) per i loro effetti sulla digeribilità della sostanza secca in vitro ruminale (IVDMD), efficienza della produzione microbica, concentrazione totale di acidi grassi a catena corta (SCFA), gas totale ed emissioni di gas serra (GHG) utilizzando due substrati dietetici (foraggio e concentrato).


Le proprietà degli oli essenziali


È noto che gli oli essenziali (EO) possiedono strutture chimiche e composti bioattivi variabili poiché vengono estratti da piante diverse. Gli oli essenziali sono anche noti per le loro proprietà antiprotozoiche e antimicrobiche.


A causa della loro vasta gamma di attività antimicrobiche, gli oli essenziali sono comunemente considerati potenziali sostituti naturali degli antibiotici.

È stato riportato che l'inclusione degli oli essenziali nelle diete dei ruminanti ha un'influenza significativa sulla digestione e sulla fermentazione dei ruminanti, nonché sulle popolazioni microbiche e sulla metanogenesi.


L'uso degli oli essenziali in mix piuttosto che su singolo olio essenziale è stato segnalato per essere più vantaggioso.

Friedman et al. ha riferito che combinando cinnamaldeide con eugenolo, la cinnamaldeide può essere preservata dalla degradazione indotta dal calore.

L'uso degli oli essenziali in mix è spesso preferito in quanto è improbabile che un singolo olio essenziale abbia tutti gli attributi o le proprietà per essere efficace come un antibiotico.

Tuttavia, sono stati condotti pochi studi per valutare gli effetti di diverse miscele di oli essenziali sui parametri di fermentazione del rumine in vitro.

Gli effetti degli oli essenziali tendono a dipendere dalla dieta o dal substrato, dai composti bioattivi, dal tempo di incubazione e dal livello di inclusione, ecc.,.


Si ipotizza che il mix di due o più oli essenziali potrebbe avere effetti sinergici per migliorare le produzioni animali.

Nel presente studio, diciassette oli essenziali con diverse strutture chimiche e bioattive sono stati miscelati in nove Blend.

Queste miscele sono state formulate dopo un'ampia revisione della letteratura precedente e la percentuale di ciascun olio essenziale nella miscela è stata adattata sulla base dei risultati riportati in letteratura.

Gli obiettivi specifici dello studio sono stati quelli di valutare gli effetti degli oli essenziali sulla sostanza secca apparente e non, degradata in vitro, l'efficienza della produzione microbica, le emissioni di gas a effetto serra e la percentuale totale e molare di acidi grassi volatili.


Miscele di oli essenziali testate


Nove mix di oli essenziali sono stati utilizzati per lo studio. Gli oli essenziali utilizzati sono stati regolarmente acquistati sul mercato. Gli EOB sono i seguenti:


EOB1 (anice, zenzero, rosmarino, timo; 05: 5: 1: 5)

EOB2 (citronella, chiodi di garofano, lavanda, rosmarino; 1,25: 1,5: 2,5: 3)

EOB3 (anice, cannella, origano, timo; 1: 1: 1: 1)

EOB4 (arancio, origano, aglio, menta piperita; 2: 2.5: 1.5: 1)

EOB5 (chiodi di garofano, eucalipto, origano, menta piperita; 03: 3: 2: 2)

EOB6 (chiodi di garofano, arancio, origano, timo; 1: 1: 1: 1)

EOB7 (cannella, aglio, zenzero, citronella; 1: 1: 1: 1)

EOB8 (eucalipto, camomilla, cannella, albero del tè; 02: 3: 1: 1) e

EOB9 (citronella, lime, albero del tè; 1: 1: 1: 1).


Gli EOB sono stati formulati dopo un'ampia revisione della bibliografia disponibile e la percentuale di ciascun olio nei mix è stata adattata sulla base dei risultati precedenti in bibliografia. I blend sono stati miscelati prima dello studio e conservati a 2 °C.


Conclusioni


Complessivamente, gli EOB nel presente studio hanno avuto effetti diversi sulle caratteristiche della fermentazione in vitro. L'inclusione degli EOB ha modificato la funzione del rumine con conseguente miglioramento dell'efficienza della produzione microbica. Sia il DM apparente che quello veramente degradato sono stati ridotti nei trattamenti EOB.


L'inclusione di EOB ha anche comportato una riduzione delle emissioni di gas a effetto serra GHG in entrambe le diete, ad eccezione di EOB8 nella dieta ricca di foraggio che era leggermente superiore al trattamento di controllo. Le differenze osservate nei loro effetti mostrano che potrebbero essere utilizzate come additivi per mangimi per migliorare la produzione di bestiame.


Le ricerche future includeranno l'uso di diverse dosi di EOB e l'esame dei loro effetti sulla diversità microbica.

Qui potete scaricare lo studio:






93 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page