top of page

Gestire la mandria in modo naturale

La cura delle vacche in modo naturale è un tema di grande interesse per gli allevatori che vogliono garantire il benessere degli animali e la qualità del latte.

Esistono diverse pratiche e rimedi che possono aiutare a prevenire e gestire le malattie più comuni delle bovine, riducendo così l'utilizzo di farmaci di sintesi chimica che possono avere effetti collaterali o residui nel latte.


Per fitoterapia si intende l’uso delle piante o dei loro estratti per scopi "terapeutici".

Gli oli essenziali sono sostanze aromatiche e volatili che si trovano nelle piante e che ne costituiscono il principio attivo. Gli oli essenziali possono essere usati in associazione con le piante da cui derivano o con altre piante per potenziarne l’effetto o per creare sinergie benefiche.

La fitoterapia associata agli oli essenziali può essere utile per la cura delle vacche in diversi modi:


Per prevenire e trattare le infezioni batteriche, fungine o parassitarie, si possono usare oli essenziali con proprietà antisettiche, antibatteriche, antifungine e antiparassitarie, come il tea tree, l’origano, il timo, la lavanda, il rosmarino e la menta piperita. Questi oli essenziali possono essere applicati localmente sulle zone infette o aggiunti all’acqua di abbeverata o al mangime.



Per stimolare il sistema immunitario e aumentare la resistenza alle malattie, si possono usare oli essenziali con proprietà immunostimolanti, come l’echinacea, il ravintsara, il limone e il pino silvestre. Questi oli essenziali possono essere somministrati per via orale o diffusi nell’ambiente.


Per favorire la digestione e l’appetito, si possono usare oli essenziali con proprietà digestive, carminative e appetizzanti, come il finocchio, l’anice, il basilico, il cumino e la camomilla. Questi oli essenziali possono essere aggiunti al mangime o all’acqua di abbeverata o massaggiati sull’addome.


Per alleviare lo stress e favorire il relax, si possono usare oli essenziali con proprietà calmanti, sedative e antidepressive, come la lavanda, il biancospino, il mandarino, la melissa, la valeriana e il neroli. Questi oli essenziali possono essere diffusi nell’ambiente o applicati sulle zone sensibili come le orecchie o il collo.


La fitoterapia associata agli oli essenziali è una pratica naturale che può migliorare il benessere e la salute delle vacche, riducendo il ricorso ai farmaci convenzionali che possono avere effetti collaterali o residui nel latte.

Tuttavia, è importante usare gli oli essenziali con cautela e conoscenza, seguendo le indicazioni di un veterinario esperto in aromaterapia e rispettando le dosi e le modalità di somministrazione appropriate per ogni caso.




55 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page